L'origine del ballare tra uomini

Ci sono tre ragioni che si sono intrecciate per dare origine alla consuetudine del ballare il tango tra uomini.

No alle donne

Il tango era il ballo dei poveri e dei diseredati, privi di finezze culturali, limiti e inibizioni.

Di conseguenza, queste persone si trovarono a ballare il tango per le strada: ancora prima che il tango si ballasse tra uomini, era abbastanza comune per le coppie ballare all’aperto.

Agli inizi del 1900 il tango cambiò per sempre con l’immigrazione europea, che rese inaccettabile per le donne ballare per strada: la vicinanza di uomini e donne in pubblico era considerata uno scandalo.

Alcuni uomini, quindi, scelsero di andare nelle balere, in cui anche le donne potevano recarsi se accompagnate dai genitori; la maggioranza, a causa di mezzi limitati o del divieto di accedere, non ebbe altra scelta se non continuare a ballare per strada.

A quel punto, a causa dei divieti imposti alle donne, l’unica possibilità era ballare tra uomini.

Corteggiamento

La danza è sempre stata vista come un mezzo per arrivare al cuore di una donna.

A Buenos Aires, agli inizi del 1900, gli uomini superavano di gran lunga le donne, il che rese la concorrenza spietata.

Il fatto che gli uomini potessero ballare con altri uomini diventò quindi un vantaggio: i giovani potevano perfezionare le loro abilità fino diventare abbastanza esperti da accedere alla pista per coppie, dove solo i migliori ballerini erano accettati.

Per un uomo, l’apprendimento del tango iniziava guardando gli altri uomini ballare. In seguito, uno dei più anziani gli avrebbe insegnato come seguire. Poi, diventato esperto, sarebbe stato promosso a “leader” un altro giovane.

Di solito doveva passare circa un anno perché un uomo venisse promosso leader. Un compagno più esperto, poi, lo avrebbe accompagnato a una milonga per un ballo organizzato con una donna.

Soppressione del tango

Il tango era considerato immorale dalle classi superiori e dalle autorità, tanto che si tentò più volte di vietarne la musica per strada e chiudere i cafè.

A Buenos Aires, nel 1916, fu approvata una legge che tentava di sradicare il tango dall’Argentina vietando agli uomini di ballare tra loro nei locali per la danza. Questo portò naturalmente a un accesso ancora più ridotto alle coppie che volevano ballare il tango così che, per impratichirsi nella danza, gli uomini dovettero comunque ballare con altri uomini!

Oggi ballare tra uomini è ancora praticato ed è consigliato da tutti i maestri per affinare la tecnica.